Il calcio è malato? No è un malato terminale!

Ho appena finito di VOMITARE per la sentenza sul calciomalato che riguarda anche l’economia, la politica, le lobby e il potere in generale.
Mi chiedo perché i tifosi del Messina non vadano ora a bloccare i traghetti, se tifassi altre “quadrette” sulle quali stanno indagando ora, mi metterei le mutande di ghisa perché le puniranno duramente mentre Carraro, dico CARRARO anzi CARRRARRRRO (già sindaco di Roma, presidente di qui consigliere di là) è stato praticamente assolto.
Qualcuno diceva ” non è giusto punire i tifosi” ma che cazzo di giornalista sei? schiavo come Fede con la lingua ancora sporca di merda.
Nessuno dico NESSUNO anzi NESSSUUUNNOOOOOOOO ha ammesso la minima colpa, tutti si professano innocenti in una paese che di facciata è cattolico non è un peccato questo?
La smetto qui prima che la giugulare esploda

LUCIANO Moggi? Un capro espiatorio per il suo avvocato

«Un mercante in proprio, un commerciante di calciatori», per Cesare Zaccone, legale della Juventus. Espressioni, naturalmente, utilizzate ieri davanti alla Corte Federale nel tentativo di far sì che la Juve non debba davvero partire dalla prossima serie B con trenta punti di penalizzazione. Leggi tutto “LUCIANO Moggi? Un capro espiatorio per il suo avvocato”

Cossiga: Giustizia sportiva e’ una buffonata

ROMA – Lettera aperta del senatore a vita Francesco Cossiga a Franco Carraro, ex presidente della Figc, a Diego Della Valle, patron della Fiorentina, e a Claudio Lotito, presidente della Lazio: “Caro Franco, caro Diego, caro Claudio, non dovete preoccuparvi: la giustizia sportiva e’ una buffonata”. L’ex capo dello Stato scrive ancora: “‘Vi ho visti tutti infervorati a difendervi di fronte a questa ridicola pseudo-corte federale di giustizia sportiva dalle accuse di un certo esagitato signor Palazzi che crede forse di essere sul serio un magistrato. Ma non dovete preoccuparvi: la giustizia sportiva e’ una buffonata e io presentero’ un disegno di legge in Senato perche’ essa venga statalizzata attribuendone la competenza a sezioni speciali dei giudici amministrativi. Per il resto, se date retta a me li mandate tutti a fare in c… Con amicizia. Francesco Cossiga”

Credo che il picconatore non abbia seguito i consigli del TG che in questi giorni cerca di proteggere i vecchietti dalla calura….

iniziato il processo sul calcio malato

Il processo che cambierà il calcio italiano ha esordito nel più italiano e invariabile dei modi: con un rinvio. Il primo scampolo di partita si è disputato in una saletta anonima dello Stadio Olimpico, non in mezzo al campo come fantasticavano certi giustizialisti che forse hanno visto troppe volte «Il Gladiatore». E’ durato appena 45 minuti, senza recupero né un tiro in porta. Solo qualche palleggio dialettico infarcito di latinorum, poi tutti negli spogliatoi, si ricomincia lunedì. Il neofita tenderebbe ad assegnare un punto agli avvocati, mentre gli esperti lo attribuiscono al genio astuto del giudice ragazzino, l’ottantunenne presidente Cesare Ruperto: concedere subito un abbuono di tre giorni ai difensori per evitare che in futuro possano chiedere altro tempo. Ma sarà davvero così? Questo processo è già un gioco di ombre, dove nulla sembra come appare. Leggi tutto “iniziato il processo sul calcio malato”

Gianluca Pessotto Tenta il suicidio?O voleva cantare?

 Lignano (Udine), 27 giugno 2006 – Ore difficili e di angoscia per la comunità di Lignano (Udine) dove Gianluca Pessotto è nato 37 anni fa. Nella cittadina vivono il papà, la mamma ed il fratello, più giovane, anche lui giocatore di calcio.

Leggi tutto “Gianluca Pessotto Tenta il suicidio?O voleva cantare?”

Ecco il collegio giudicante della Caf

La Federcalcio ha reso noti i componenti del Collegio Giudicante della Caf. In una nota si legge che ”la Figc comunica che il Presidente della Caf, Cesare Ruperto, dopo aver verificato le avvenute notifiche dei deferimenti di Stefano Palazzi, ha costituito il Collegio Giudicante che sarà composto da: Cesare Ruperto (Presidente);  Michele Lo Piano (componente); Giuseppe Marziale (componente); Carlo Porceddu (componente); Mario Zoppellari (componente); Pierfrancesco Grossi (sostituto); Carlo Bravi (rappresentante Aia).

Ma saranno davvero imparziali?

Borrelli al capo dell’inchiesta “Piedi Puliti”

Con una decisione inaspettata il commissario straordinario della federcalcio Guido Rossi ha nominato Francesco Saverio Borrelli capo dell’ufficio indagini. Sorpreso l’ex procuratore capo di Tangentopoli («Non me l’aspettavo, di calcio non so nulla ma mi metterò subito al lavoro»), critico il centrodestra, con Silvio Berlusconi che accusa: «L’Ulivo ha scelto un arbitro di fiducia».
Cosa ne pensate?

Ci mancavano Ancelotti e Collina

Le ultime interecttazioni pubblicate dai giornali ci induco a pensare che proprio pochi davvero non sapessero come era gestito il calcio. In una di queste Meani, ormai famoso, dirigente Milan racconta a  Collina, di sconvolgenti confidenze ricevute da Ancelotti a proposito di come avvenivano le cose quand’era allenatore della squadra bianconera. «Ancelotti mi ha riferito che l’altra persona famosa» riusciva a sapere «con largo anticipo il giovedì, e pertanto ancora prima dei sorteggi del venerdì», quali erano gli arbitri designati per gli incontri della Juventus. Addirittura, sempre secondo quel che dice Meani, Moggi influiva sul calendario di calcio. «Ancelotti veniva interpellato – scrivono i carabinieri – per individuare le partite più gradite con cui affrontare il campionato in modo tale che alla scelta corrispondesse poi il calendario della stagione calcistica».